Promozioni
Notizie Flash
Il Consulente Sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri edili.

La formazione e l'attività professionale.

Per iniziare un corso in FaD integrata

chiamare il 339.7626301

o contattaci via mail

Corsi integrati
Formazione a Distanza Integrata
Siti Correlati
Banner
Banner
Banner
Banner

Corso on line per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale.

RLST in EDILIZIA - www.fesicaedilizia.it CORSO DI FORMAZIONE PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERITORIALE (D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, Art. 48 comma 7) Premessa. Il D.Lgs. 81/08 prevede la figura del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza(RLS), in un#ottica di collaborazione con il Datore di Lavoro, per la formulazione e l#attuazione delle misure di Prevenzione Protezione dai rischi professionali aziendali. Dall#analisi degli articoli dettati in tema di consultazione e partecipazione dei Lavoratori alla sicurezza, emerge chiaramente una figura di Rappresentante dei Lavoratori che si pone, nell#organizzazione del sistema di Prevenzione e Protezione, quale soggetto attivo e necessario tanto da dover essere consultato negli adempimenti più significativi di sicurezza. Il Decreto stabilisce anche che il Rappresentante, per poter esercitare le proprie funzioni, deve conseguire una formazione adeguata al suo ruolo. Nel modello di produzione del settore edile il lavoratore occupa un ruolo centrale. La persona diventa, dunque, il punto di riferimento per quanto attiene il sistema di sicurezza sul luogo di lavoro. Il lavoratore è al medesimo tempo il destinatario e il soggetto di prevenzione attiva per la sicurezza attraverso l#attività che sui luoghi di lavoro svolgono i lavoratori eletti Rappresentanti dei lavoratori per la Sicurezza (RLS). Nelle realtà lavorative più piccole, le imprese con meno di 15 dipendenti, dove i lavoratori non eleggono gli RLS interni a ricoprire il ruolo di vigilanza pere la sicurezza dei lavoratori interviene il Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza Territoriale (RLST) in diretta dipendenza con l’ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE. L’ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE ha come finalità nell’ambito territoriale l’effettuazione, tramite l’RLST, nei luoghi di lavoro dei territori di pertinenza e nel comparto edilizio delle costruzioni di sopralluoghi finalizzati al supporto delle azioni di prevenzione ai sensi dell’art.51 c.6 del D.Lgs 81/08. Inoltre l’OPP comunica alle Aziende-Imprese e agli organi di vigilanza territorialmente competenti gli RLS territoriali ai sensi dell’art.51 c.8 del D.Lgs 81/08 e redige annualmente una relazione sull’attività svolta dagli RLST dell’O.P.P. da inviare al Fondo di sostegno alla Piccola e Media Impresa, ai RLST e alla Pariteticità costituito presso l’I.N.A.I.L. ai sensi dell’art.52 del D.Lgs 81/08. LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE LAVORATORI SICUREZZA TERRITORIALE: Gli ORGANISMI PARITETICI PROVINCIALI, attraverso i Rappresentanti Territoriali dei Lavoratori per la Sicurezza (RLST) di FESICA CONFSAL EDILIZIA eseguono visite di prevenzione nei cantieri per sollecitare gli adeguati controlli e il rispetto della normativa vigente (D. Lgs. 81/08). L#O.P.P. con gli RLST, che sono designati da FESICA CONFSAL EDILIZIA a livello provinciale, svolgeranno i loro compiti in relazione all’ambito loro assegnato a livello cittadino. Il RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE esercita le competenze del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di cui all’articolo 50 D.Lgs 81/08 che sono: a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni; b) è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nella azienda o unità produttiva; c) è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente; d) è consultato in merito all’organizzazione della formazione di cui all’articolo 37; e) riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, alla organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali; f) riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza; g) riceve una formazione adeguata e, comunque, non inferiore a quella prevista dall’articolo 37; h) promuove l’elaborazione, l’individuazione e l’attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l’integrità fisica dei lavoratori; i) formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti, dalle quali è, di norma, sentito; l) partecipa alla riunione periodica di cui all’articolo 35; m) fa proposte in merito alla attività di prevenzione; n) avverte il responsabile della azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività; o) può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro. Viene utilizzato in tutte le aziende o unità produttive del territorio del comparto edile nelle quali non sia stato eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Per l’esercizio delle proprie attribuzioni, il RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE accede ai luoghi di lavoro nel rispetto delle modalità e del termine di preavviso individuati dagli accordi tra le PARTI SOCIALI. Il termine di preavviso non opera in caso di infortunio grave. In tale ultima ipotesi l’accesso avviene previa segnalazione all’ORGANISMO PARITETICO PROVINCIALE. Ove l’azienda impedisca l’accesso al RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE, questi lo comunica all’organismo paritetico o, in sua mancanza, all’organo di vigilanza territorialmente competente. L’esercizio delle funzioni di RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE è incompatibile con l’esercizio di altre funzioni sindacali operative. Ogni RLST ha il compito di svolgere le visite di ispezione preventiva ai cantieri di competenza, per verificare la corretta applicazione di tutte le normative sulla sicurezza e salute. Per agire con la massima efficacia l#O.P.P. si coordinerà con la Medicina del lavoro territorialmente competente e la Direzione Provinciale del lavoro. Gli RLST oltre le visite di cantiere sono preventivamente consultati dalle Imprese edili(assenza di RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LASICUREZZA) sui Piani di Sicurezza e Coordinamento (PSC), sui Piani Operativi di sicurezza (POS) e sui Piani di Montaggio Uso e Smontaggio(Pi.M.U.S.). OBIETTIVI. Fornire ai Partecipanti tutti gli elementi necessari affinché i compiti che la legge attribuisce all#RLST vengano svolti adeguatamente con competenza ed efficacia DURATA: La durata del corso è di 64 ore. CONOSCENZE NECESSARIE IN ENTRATA: Le conoscenze necessarie afferiscono di norma ad una formazione di carattere sindacale, tecnica con attitudini a favorire il lavoro di gruppo. COMPETENZE ACQUISITE: Si individuano le seguenti aree di attività: •analisi/valutazione dei rischi •verifica costante delle misure di Prevenzione e di sicurezza •animazione di sicurezza •informazione dei Lavoratori Alla fine del percorso formativo saranno acquisire competenze: •diagnostiche •decisionali •relazionali nonché l#acquisizione di conoscenze specifiche, di sapere applicativo, che devono necessariamente riferirsi almeno a: •normativa sulle materie di sicurezza ed igiene del lavoro con riferimento all’edilizia; •rischi presenti sul posto di lavoro e riferiti all#ambito edile; •danni legati a quei rischi; •limiti di esposizione a fattori inquinanti; •analisi degli infortuni; •analisi delle situazioni critiche (anomalie di processo); •modalità di Prevenzione; •strumenti informativi presenti sul luogo di lavoro: registro infortuni, schede di sicurezza, documento di valutazione, etc.; •valutazione di programmi di informazione; •costruzione di strumenti propri di analisi e di verifica (schede ed altro materiale). I RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITRIALI svolgeranno le funzioni di: consultazione preventiva sull’analisi e sulla valutazione dei rischi, e la programmazione, realizzazione e verifica delle misure di prevenzione. e protezione; consultazione sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione e sulla gestione dell’emergenza (antincendio, evacuazione e pronto soccorso ); informazione sulla documentazione aziendale inerente la sicurezza sul lavoro e sugli atti degli organi di vigilanza; consultazione riguardo la formazione dei lavoratori; richiesta di una riunione per la sicurezza quando lo ritenga necessario; ricorso alle autorità di vigilanza qualora ritenga insufficienti e inidonee le misure aziendali di sicurezza e che l’Azienda stessa non ritiene opportuno modificare; proporre al servizio di prevenzione l’adozione di nuove misure che ritenga idonee a tutelare meglio la salute e l’integrità dei lavoratori; consultazione del registro infortuni oltre che naturalmente del Documento di Valutazione dei Rischi. DESTINATARI DEL PERCORSO FORMATIVO I SOGGETTI TECNICI individuati e designati dal Sindacato dei lavoratori FESICA CONFSAL EDILIZIA ai sensi dell’art. 48 comma 2 del D.Lgs. 81/08 per lo svolgimento dei compiti e delle funzioni attribuite dall’art. 50 del D.Lgs 81/08 – TESTO UNICO. METODOLOGIA E# possibile seguire il corso in modalità FaD integrata.Sono garantite l’equilibrio tra lezioni frontali(video on line) nel rispetto del monte ore complessivo di ciascun modulo e, nei casi previsti, con il supporto di materiali multimediali. DOCENTI-FORMATORI I docenti-formatori, con riferimento ai diversi argomenti da trattare(video lezioni), hanno esperienza pratica documentata, almeno biennale, sia nel settore della formazione e nelle materie ed argomenti di insegnamento del settore edilizio. DISPENSE Ad ogni partecipante verrà consegnato un CD Rom contenente tutte le slides utilizzate, documenti di utilizzo e di lettura utili a completare la formazione conseguita. Il materiale costituisce, altresì, una concreta possibilità di consultazione costante e di continuo aggiornamento. Il materiale sarà disponibile, in area riservata, nel sito web di FESICA CONFSAL EDILIZIA all’indirizzo www.fesica edilizia. VERIFICHE E VALUTAZIONE ll corso si conclude con un test di verifica finale, con sbarramento percentuale, dell’apprendimento somministrato ad ogni partecipante. CERTIFICAZIONI IN USCITA: Alla fine del percorso formativo si maturerà l’attestato di frequenza al corso di formazione per RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE ai sensi del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 48 comma 7. L’aggiornamento annuale è previsto in 8 ore annue.